Skip to content

2007 – IL BAMBINO DELLA DOMENICA (sunday’s child)

Nel film per la tv ‘Il bambino della domenica’, il pugilato è un appassionante pretesto per raccontare la storia di un uomo e di un bambino che fanno a pugni con il mondo.

$_57

Catania, Sicilia. Marcello La Spada (Beppe Fiorello) è un ragazzo cresciuto senza una famiglia, ma con una grande passione per la boxe attraverso la quale ha conosciuto il suo coach Nino (Maurizio Marchetti) che gli ha fatto da padre. Marcello ha come migliore amico Saro (David Coco), un ragazzo con aspirazioni decisamente diverse dalle sue, in combutta con la criminalità. Una sera, Saro coinvolge Marcello nel trasporto di alcuni clandestini e, per difendere l’amico dal coltello di uno di loro, spara ad un uomo, spaventando a morte Marcello che si allontana mentre Saro viene arrestato.

Otto anni dopo, Saro esce di prigione e droga l’acqua di Marcello per poter rendere invalida la sua vittoria all’incontro finale di un torneo di boxe e rovinandogli così la vita. Marcello perde l’affetto della moglie Anna (Anita Caprioli) che lo lascia e dello stesso Nino che non crede alla sua innocenza. Nel frattempo Marcello conosce un bambino ospite di una sua vicina di nome Carmine (Riccardo Nicolosi); il bambino è un orfano e viene invitato ogni domenica dalla vicina di Marcello per dargli un po’ di calore famigliare, ma, un giorno, la donna muore e Carmine chiede aiuto a Marcello. L’uomo, sull’orlo dell’alcolismo, di primo istinto rifiuta il bambino, ma in seguito decide di andarlo a trovare alla casa famiglia dove vive e lì, su insistenza di Suor Chiara (Vittoria Piancastelli), decide di provare a frequentare il bambino che si scopre in grado di parlare solo quando sta con lui.

Marcello, intanto, viene riavvicinato da Saro che lo coinvolge in incontri di boxe clandestina gestiti da un boss criminale chiamato “Il Maestro” (Marcello Perracchio), ma il rapporto con Carmine sta cambiando l’uomo che decide di tornare a combattere legalmente; tuttavia il suo terribile passato, capeggiato dal perfido Saro, lo stringe in una morsa letale che potrebbe sì far vincere a Marcello il torneo, ma ad un prezzo decisamente alto.

ENGLISH SYNOPSIS

Marcello and Saro. Two street kids, without a lead and without a family. They are like brothers with common origins. They both dream of making it in life, to get to the top. To leave behind their anonymous, rootless life and become successful. Marcello is convinced that he’ll make it on his own, by becoming a boxing champion. He works hard under the guidance of Nino, an old boxer who trains him. Saro instead, is lured by short cuts, by the power of the mafia, by rigged games, and by the Maestro, a boss who rules Sicily, the region where the story takes place.

One night Saro entangles his friend in the recovery of illegal immigrants: that night will change both their lives. There is a shot, and Saro becomes a killer; he must go to prison. Marcello cannot forgive his friend for having sucked him- who knew nothing of it – into a criminal happening.
Ten years later, Marcello continues to dream of a career as a boxer and fights to win the regional championships. He is married with Anna, the girl he was in love with when he was a teenager. Things however are not going well. Boxing is separating them. Saro comes out of prison. He seeks revenge from the former friend who abandoned him, but also perhaps to make him take his own way, the way of crime. He unjustly accuses the young boxer of being doped. Marcello’s dream collapses. He is disqualified and his marriage with Anna also collapses. Marcello has no choice: he accepts to fight for Saro in illegal matches.

At his lowest ebb, Marcello meets Carmine, a nine years old boy who lives in an orphanage. The child immediatelty chooses him: Marcello is the hero who will save him. Carmine does not speak with anybody. He can’t risk becoming fond of someone. He can speak however to Marcello. The boxer is fighting a battle against Carmine: he has enough problems of his own and he is unable to also take care of a child. And he has as a priority, that of winning back Anna.
Although Marcello fences him off, Carmine manages to insinuate himself into the boxer’s life, by pulling the right strings. Marcello has now a reason to react, something to fight for : to adopt Carmine. From that moment onwards Marcello finds the strength to reorganize his life, to get back on the ring from where he was so unjustly kicked out, and win back Anna. Saro though, filled with a mixture of love-hatred feels once again that he has been betrayed and falls into destructive jealousy. Marcello manages to get the title he was robbed of: he wins back his woman and adopts Carmine. But Saro is lurking…

The story of Marcello and Carmine is the story of two lonely people, and it is not clear which one truly saves the other. It is also the story of Marcello’s inner growth as he moves from vague rebellion – albeit a honest one- to the hell of rigged matches, until he feels the responsibility of being a father. Carmine, the Sunday child, is Marcello’s guarding angel. He helps him recover and even better his life. Marcello, the boxer, who seemed a write-off, is Carmine’s guarding angel. He gives him a family, a future and he teaches him what he cares for more in the world: boxing.

beppe-fiorello-in-una-sequenza-de-il-bambino-della-domenica-107671

Interpreti: Giuseppe Fiorello, Anita Caprioli, David Coco, Maurizio Marchetti
Produzione: Rai Fiction, Casanova Multimedia
Prodotto da: Luca Barbareschi, Susanna Bolchi, Aureliano Lalli-Persiani
Regia: Maurizio Zaccaro
Soggetto: Andrea Purgatori, Alessandro Pondi, Giuseppe Fiorello, Paolo Logli
Sceneggiatura: Alessandro Pondi, Andrea Purgatori, Paolo Logli
Fotografia: Fabio Olmi
Montaggio: Babak Karimi
Musiche: Louis Siciliano
Scenografia: Giuseppe Pirrotta
Costumi: Simonetta Leoncini
Casting: Loredana Scaramella

Giuseppe-Fiorello-_MG_22801

Pugni contro la mafia

Il pugilato arriva in tv con una storia appassionante che racconta la tormentata vita di un boxeur e il suo incontro salvifico con un bambino abbandonato.

Il bambino della domenica è un film in due puntate  (RaiUno) che incrocia il destino di due anime scontrose ma intimamente buone.

La storia ha come protagonista un pugile siciliano, Marcello La Spada (interpretato da Giuseppe Fiorello), ragazzo cresciuto per strada e tirato su a suon di cazzotti in una palestra di pugilato vecchio stile, che si ritrova da adulto a realizzare il sogno di diventare un campione ma a carissime spese.

Per mantenere fede ai suoi principi, Marcello dovrà scontrarsi con la malvivenza e il sistema corrotto che manovra la sua città ed in particolare lo sport che lui ama più di ogni altra cosa. La sua onestà non riuscirà facilmente a sconfiggere il mostro della mafia: tradito dal suo migliore amico Saro (David Coco) che lo fa squalificare per doping, lo sfortunato boxeur perderà la sua credibiltà di atleta, oltre all’amore e il rispetto di tutti. Quando sua moglie Anna (Anita Caprioli) se ne va di casa, viene denigrato al lavoro ed in palestra viene accolto da fischi e insulti, e ogni speranza sembra perduta. Vittima di ingiuste sofferenze, Marcello sembra aver smarrito la stima in sè stesso e la fiducia negli altri, ma sarà l’amicizia con un piccolo orfano, Carmine (Riccardo Nicolosi), che gli darà la speranza per ricominciare a vivere. Lo sguardo pieno di affetto di quel bambino accenderà in lui una scintilla, la loquacità degli occhi di quel ragazzino quasi muto gli darà la forza per lottare ancora.

Ogni domenica Marcello va a trovare Carmine dalle suore, dove lo hanno accolto dopo essere stato abbandonato, e con il tempo il piccolo gli si affeziona sempre di più, tanto da rompere il suo silenzio solo per lui. Tra i due nasce un legame davvero speciale ma Marcello, che nel mentre ha ricominciato a boxare clandestinamente per conto di un mafioso, non ha una vita così affidabile da potersi prendere cura di un bambino. Chiuso ancora una volta nella morsa della malavita, il pugile dovrà combattere in una lotta decisiva per liberarsi in un match dove i pugni non bastano. Niente più trucchi o scommesse, il campione deve riconquistare il controllo sulla sua vita e, finalmente, il diritto ad avere una famiglia con la donna che ama.

Ambientato in una Catania fatta di vicoli e sobborghi affascinanti ma anche di mafia, immigrazione clandestina e incontri di box truccati all’ultimo sangue, il film tv di Maurizio Zaccaro è un racconto di speranza e amore sullo sfondo di uno sport che può insegnare molto. Un cast di tutto rispetto vede primeggiare un Giuseppe Fiorello completamente trasformato, muscoloso e aggressivo, nei panni del pugile dal cuore tenero, con al fianco un bravissimo David Coco (L’Uomo di Vetro), nel ruolo del suo malavitoso amico d’infanzia, e un’intensa Anita Caprioli (Santa Maradona), nella parte della moglie ferita che, dopo anni di sofferte rinunce, lascia il boxeur anche se ancora innamorata di lui.

Il pugilato è un appassionante pretesto per raccontare la storia di un uomo e di un bambino che fanno a pugni con il mondo. Chi andrà k.o. la mafia o l’onestà?

IL BAMBINO DELLA DOMENICA – PRIMA PARTE   STREAMING RAI

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-b0c8cfa9-b4ae-4742-bded-3b3b32e8edcb.html#p=

IL BAMBINO DELLA DOMENICA – SECONDA PARTE STREAMING RAI

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-83470018-159f-438d-b856-bda5fd663c48.html#p=

2470784108_548705cf05

CAST:

  • Beppe Fiorello: Marcello La Spada
  • David Coco: Rosario “Saro”
  • Riccardo Nicolosi: Carmine
  • Anita Caprioli: Anna
  • Maurizio Marchetti: Nino
  • Vittoria Piancastelli: Suor Chiara
  • Francesco Foti: Andrea
  • Marcello Perracchio: Maestro
  • Bruno Torrisi: Carrisi
  • Fabrizio Contri: Giudice Tancredi
  • Mariella Lo Giudice: Assistente sociale
  • Mouhamed Alì Ndiaye: Karim
_MG_8517
_MG_8549
_MG_8656
_MG_9687
_MG_9754
_MG_8558
_MG_8606

_MG_9116

P1010842

P1010796

P1010789
P1010783
beppe e maurizio
riccardo-nicolosi-sul-set-della-miniserie-il-bambino-della-domenica-105774
linea
vittmar

Carissima Vittoria, carissima Mariella. Vi avevo ancora davanti agli occhi quando in moviola, durante la riduzione ad un’unica puntata del film che avevamo fatto insieme, “Il bambino della domenica”, dovevo prendere decisioni dolorose per tagliare ben 100 minuti dai 200 originali. Ebbene, non è stato tagliato un solo secondo delle vostre scene, che reputo ancora oggi fra le più belle e soprattutto autentiche di quel lavoro. E’ stato delizioso rivedervi, riascoltare le vostre voci, emozionarsi con la vostra splendida recitazione. E’ stato come tornare su quel set. I film sono anche questo: un mondo dove il tempo resta inalterato, consegnato al futuro e alla memoria di chi oggi piange la vostra prematura scomparsa, che scomparsa non è per niente, anzi: un nuovo palcoscenico è stato allestito, tanti amici vi stanno aspettando per applaudirvi. Coraggio dunque, entrate ancora in scena e non deludeteli.

Maurizio Zaccaro

*

Mariella Lo Giudice, Catania, 6 febbraio 1953 – Catania, 31 luglio 2011

Vittoria Piancastelli, Roma, 20 marzo 1962 – Roma, 12 settembre 2015

*****************

No portion of this file may be copied, retransmitted, reposted, duplicated or otherwise used without the express written approval of  Casanova Multimedia.

logo-casanova1

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: